1. al contenuto
  2. al menu principale
Contenuto

14.08.2020

Ufficio per un Linguaggio facile „okay“ ha tradotto siti della Provincia Autonoma di Bolzano

 
Il 13 agosto, durante una conferenza stampa nel palazzo Widmann a Bolzano, sono stati presentati i nuovi siti della Provincia Autonoma di Bolzano in un Linguaggio facile.
Questi siti sono il risultato di una stretta collaborazione tra l’Agenzia di stampa e comunicazione della Provincia, l’Informatica Alto Adige S.p.A., l’Ufficio per un Linguaggio facile okay della Lebenshilfe nonché il gruppo di autorappresentanza People First, quest’ultimo responsabile per le letture di controllo. „Infine“, così Helga Mock dell’ufficio okay, „decidono i lettori e le lettrici di controllo se un testo è facilmente comprensibile o meno.“ Robert Mumelter, collaboratore di People First e lettore di controllo, ha aggiunto: „Questa è una buona cosa, perché è importante che noi abbiamo voce in capitolo e partecipiamo alle decisioni.“ Hans Widmann, presidente della Lebenshilfe, ha parlato di un passo importante per quanto riguarda l’inclusione, trovando parole di apprezzamento per l’ottima collaborazione di tutte le parti coinvolte nel progetto. Arno Kompatscher, presidente della Giunta provinciale, ha sottolineato, anche in nome dell’assessora Waltraud Deeg, l’importanza di questa iniziativa, caratterizzandola come una pietra miliare. Informazioni in un Linguaggio facile sui siti della Provincia Autonoma di Bolzano si riferiscono ai temi „Lavoro e occupazione“, „Tempo libero“, „Sanità“, „Provincia“, „Vivere con una disabilità“, „Imparare e cultura“, „Mobilità“ e „Abitare“. Sono complessivamente 78 i testi in un Linguaggio facile nati in questo periodo del progetto, per interessati accessibili sotto l’indirizzo https://leichte-sprache.provinz.bz.it

foto, da sinistra a destra: Hans Widmann (presidente della Lebenshilfe), Robert Mumelter (collaboratore di People First), Wolfgang Obwexer (direttore della Lebenshilfe), Helga Mock (coordinatrice di „okay“), Stefano Bonzi (collaboratore della SIAG) e Judith Donà (collaboratrice al progetto)
 

  indietro